Typography – Tipografia – Tipográfia – Typographie – Typografie – Typografi – Τυπογραφία

Archivio del tag ‘Palermo’

Between, graphic design between boundaries 27 – 31 ottobre 2008, Palermo[/lang_it]

con solo un commento - leggilo e lascia anche il tuo, grazie

Il convegno di Palermo proverà a indagare quello spazio between posto tra le culture, o le aree disciplinari, quella zona franca in cui avvengono le contaminazioni, gli innesti, le sovrapposizioni.

Il programma si avvale di speaker notevoli, conosciuti nell’ambito internazionale come Giovanni Anceschi (ITA), Tony Brook (UK), Rathna Ramanathan (INDIA, UK), Leonardo Sonnoli (ITA), Heather Shaw (USA) e John L. Walters (UK) è pronto da scaricare dal sito. Gli interventi inglesi verranno tradotti in italiano.

I biglietti sono limitati – assicuratevi un posto! Agevolazioni per gli studenti.

Per maggiori informazioni,

programma dettagliato

e registrazioni andate sul sito:

http://www.typevents.com/

Scritto da Giò

settembre 17th, 2008 at 11:30

Between, graphic design tra i confini

questo post è ancora senza commenti! - lascia il tuo, grazie

Si svolgerà dal 12 al 16 maggio 27 al 31 ottobre a Palermo Between, il convegno internazionale dedicato alla grafica, che vedrà dibattere su molteplici tematiche, tutte legate in maniera più o meno diretta alla disciplina progettuale, importanti designer e studiosi provenienti da ogni parte del mondo. Alcuni di questi saranno direttamente invitati a partecipare e altri selezionati attraverso il call for paper. Il convegno sarà preceduto (12-16 maggio) da una serie di workshop che coinvolgeranno studenti e designer su temi connessi a quello principale, così come da mostre visitabili in vari punti della città, per tutta la durata del convegno.
Between non è un nome scelto casualmente, perché Palermo è una città in cui i passaggi così come la permanenza delle varie culture, orientali e occidentali, hanno nel tempo, dalle sue origini fenicie sino ad oggi, definito un sistema complesso e composito, in cui queste continuano ad esser visibili nel suo corpo, costituendo la specificità di un luogo che sicuramente non sempre in modo pacifico, ha saputo conciliare la presenza o compresenza di culture diverse con buona tolleranza. E la ricchezza che questi passaggi hanno lasciato a Palermo si può respirare in ogni sua piega, nelle architetture, nella toponomastica, nei colori, nei sapori, e negli odori, nelle culture arboree, così come nell’uso e nel trasporto dell’acqua, nei giardini, nella numismatica, financo incisa nelle sue pietre. Palermo è collocata nel cuore del Mediterraneo, e svolge ancora il ruolo di cerniera importante e attiva, in cui è possibile avvertire una cultura ereditata da un luogo in cui l’oriente è giunto dai paesi arabi e da quelli bizantini, mentre l’occidente è arrivato attraverso le genti normanne e sveve. Le parole che Braudel adopera per definire il Mediterraneo, possono essere trasposte e adoperate con poca forzatura per Palermo.
Il convegno di Palermo proverà a indagare quello spazio between, ovvero posto tra le culture, quella zona franca in cui avvengono le contaminazioni, gli innesti, le sovrapposizioni, così come avviene nei luoghi di confine o di frontiera in cui la vicinanza o compresenza di culture determina un sistema complesso, dove a fatica si riesce a districare la matassa, individuando i singoli apporti confluenti in un unico e complesso sistema.
Allo stesso modo proveremo a osservare realtà simili, trasponendo i termini delle questioni nell’ambito della comunicazione visiva, alla ricerca di spazi interstiziali nei quali si riscontrano sovrapposizioni così come punti o tratti di tangenza. L’intento non sarà quello di dissezionare i termini della questione, bensì di osservare ciò che accade nel campo della comunicazione visiva, quando ci si muove sul o meglio dentro il limite, di qualunque natura esso sia costituito.
Between ovviamente non avrà un unico senso di lettura, ma vorremmo che ognuno individuasse una propria accezione del termine, che a partire dalla linea di confine tra i due blocchi delle culture orientali e occidentali, possa progressivamente, passando dalla macro alla micro dimensione, entrare sempre più nel merito della comunicazione visiva, indagando il between tra grafica e pubblicità, tra testo e immagine, tra bianco e nero, tra regola ed eccezione, tra etico ed estetico, tra carta e pixel, tra fisso e in movimento, tra unico e molteplice, tra tipografia e calligrafia, solo per citarne alcuni.
Between vuole però anche offrire uno sguardo trasversale su altre discipline e lo farà chiedendo a esperti di varie aree disciplinari (arte, cinema, musica, architettura, design, fotografia,…) di offrire una loro riflessione che possa essere condivisa e stimolare a non guardare solo dove è consueto, ma anche in ambiti apparentemente distanti, anche molto, da quello che stiamo indagando.

BETWEEN
graphic design tra i confini
congresso internazionale
12-16 maggio, 2008 rinviato al 27 -31 ottobre 2008
Palazzo Steri, Palermo, Italia

Per informazioni: Typevents

Scritto da Giò

febbraio 28th, 2008 at 4:30